Il cimitero monumentale di Staglieno

A egregie cose l’animo accendon l’urne dei forti…

Mauro Poggi

§

_51A0080

Nel XIX secolo, a Genova,  le antiche leggi sontuarie della Repubblica erano ancora vigenti, se non a livello giuridico almeno nel comune sentire.  L’indole austera dei cittadini radicava nell’abitudine alla parsimonia privata che quelle leggi avevano prescritto secoli addietro, ponendo precisi limiti alle feste, ai  velluti, agli ori: “Leggi e ordini circa il vestir delle donne, et huomini, e circa i pasti che si danno in occasione delle nozze” (1530); “Capitoli e ordinazioni sopra lo vestir degl’huomini, donne e fanciulli, e anco sopra i conviti e pasti e li modi delle donne” (1558); “Tutti li sudeti ordini doveranno essere osservati tanto nella presente Città, quanto nelle ville intorno ad essa per dieci miglia, così di giorno come di notte” (1571);  “L’osservanza delli presenti Capitoli si comanda così dentro alla Città, come in le tre Podesterie, e ciò si intende per conto dei Cittadini

View original post 577 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.