Elogio di Giovanni Gentile

Chi avrebbe detto che io, che ho passato tutta la mia vita professionale a studiare le ipotesi di riforma della scuola secondaria superiore, mi sarei ritrovato a condividere il pensiero di Diego Fusaro che ne fa l’elogio!

Il fatto è che (e qui dissento dal Fusaro-Preve pensiero) non tutti i sessantottini parlavano di cambiare il mondo per non studiare (anche se poi credo anch’io che per la maggioranza fosse così), volevano solo studiare ANCHE altre cose.

Ad ogni modo, tornando a Gentile “ci ha lasciato un dono meraviglioso, per il quale dovremmo essergli eternamente grati: il Liceo classico. Come spesso accade, ci si accorge dell’importanza di una realtà a cui siamo abituati solo allorché essa comincia a venire meno, come accade quando manca l’aria: così è per il Liceo classico, la migliore scuola del mondo, concepita dal Gentile ministro dell’Istruzione, fautore della migliore riforma della scuola di cui il nostro Paese abbia ad oggi beneficiato; riforma, certo, discutibile finché si vuole, se si considera che già Gramsci, non senza buone ragioni, la accusava di classismo. Riforma discutibile finché si vuole, sì, ma pur sempre la migliore di cui questo Paese abbia beneficiato.
Resta, d’altro canto, il fatto che il Liceo classico ha reso possibile la superiorità culturale di intere generazioni di liceali italiani rispetto ai loro coetanei di tutto il mondo (provate ad andare in Germania o in Francia per accorgervene). Con l’insegnamento del latino e del greco, ma poi anche con il nobile progetto di formare uomini in senso pieno, unendo tra loro la paideia greca, la raison illuministica e la Bildung romantica, il liceo classico ideato da Gentile resta un unicum nel panorama mondiale e oggi, possiamo dirlo, una vera e propria forma di resistenza al generalizzato “cretinismo economico” (Gramsci) che la cosiddetta mondializzazione sta esportando in ogni angolo del pianeta: cretinismo in forza del quale sempre meno si pensa e sempre più si calcola, in un desolante paesaggio in cui il greco e il latino, la filosofia e l’arte sono liquidati come “inutili” (sic!) dalla stolida ragione calcolatoria che pretende di essere la sola sorgente di senso.

Leggi tutto su http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=51841

3 pensieri su “Elogio di Giovanni Gentile

  1. Per non parlare della “moda” di insegnare le materie istituzionali in inglese quando ormai gli alunni non sanno più l’italiano: quello che si studiava in quinta ginnasio leggendo i Promessi Sposi di cui il Manzoni aveva curato espressamente l’aspetto linguistico nel tentativo di fornire alla nascente nazione almeno una lingua comune (il fiorentino delle persone colte).
    Nota: a questo punto Renzi o non è fiorentino o non è colto…

  2. Perciò l’argomentare efficace, anche in sede didattica, non parte da troppo lontano, ma da conoscenze condivise; non fa tutte le fermate, non esplicita tutti i passaggi, perché sa che l’ascoltatore può stancarsi o distrarsi (la persuasione è anche figlia del tempo) e perché vuole che il senso di inferiorità iniziale dell’uditore sia sostituito dal sentimento del proprio ruolo attivo nella scoperta.
    http://gabriellagiudici.it/piergiorgio-sensi-elogio…/…
    Piergiorgio Sensi, Elogio didattico dell’entimema di Aristotele
    gabriellagiudici.it

    Paolo Giatti

    Paolo Giatti Il problema oggi è che non abbiamo più conoscenze condivise e l’uditore non ha nessun senso di inferiorità, anzi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.